Carboneria Letteraria

Vi presentiamo Aki Ai

Il nuovo conduttore di FDP NEWS ha un fascino tutt’altro che artificiale. Compagni Concittadini, da oggi i deliziosi notiziari di FDP NEWS saranno condotti direttamente sulla vostra retina con la professionalità perfetta di Aki Ai. Così si chiama la nuova conduttrice, con la personalità e la fisicità votate da voi olospettatori durante la mega-consultazione democratico-elettronica che…

Comunicato stampa Walshingam Enterprises

L’astronave Marie Blue della Walshingam Enterprises parte per il volo inaugurale. La Marie Blue decollerà il prossimo 5 dicembre per raggiungere i confini del Sistema Solare e portare simbolicamente l’Uomo dove non è mai andato prima. Il prototipo W-f82 serie 7, ribattezzato ufficialmente Marie Blue, astronave da spazio profondo di ultimissima generazione, lascerà la stazione…

Maiden Voyage

maiden-voyage---completaA cura di Francesca Garello
ISBN 978-88-97905-88-2
Homo Scrivens, 2014
€ 15,00

Maiden Voyage è il primo romanzo collettivo della Carboneria Letteraria, un esperimento letterario che coniuga narrazione collettiva, fantascienza e il classico delitto della stanza chiusa.

Mentre la Terra è sull’orlo di un conflitto devastante, l’umanità affida le sue poche speranze al volo inaugurale di un’avveniristica astronave governata da un’intelligenza artificiale. In un’estrema trattativa per scongiurare la guerra, sul campo neutro della Marie Blue si incontrano le delegazioni diplomatiche dei due blocchi transnazionali contrapposti. Ma il contatto con la nave è presto perduto. Incidente? Attentato terroristico? E da parte di chi? Prima che la notizia venga divulgata, scatenando panico e forse la guerra, dalla Terra viene inviata un’investigatrice specializzata in analisi di dati complessi. Ma la “datamancer” trova una nave vuota, senza alcuna traccia dei delegati e dell’equipaggio. Cosa è successo sulla Marie Blue?

A raccontarlo sono quattordici personaggi, a ciascuno dei quali dà voce un autore diverso creando un romanzo a incastro scritto a 34 mani da 17 cervelli di 14 autori tra i quali 5 donne, 8 uomini, 1 polimorfo.

Gli autori: Andrea Angiolino, Chiara Bertazzoni, Ramona Corrado, Pelagio d’Afro, Arturo Fabra, Gabriele Falcioni, Francesca Garello, Gianfranco Grenar, Biancastella Lodi, Manuela Maggi, Piermaria Maraziti, Alessandro Morbidelli, Alessandro Papini, Francesco Troccoli.

Francesco Troccoli

Francesco TroccoliRomano, classe 1969, ha iniziato a scrivere da pochi anni, quando ha capito che stava vivendo una vita che non era la sua come manager in una multinazionale del farmaco. È stato così che, proprio come il protagonista del suo primo romanzo, ha iniziato a riappropriarsi del tempo che si era lasciato sottrarre. Ferro sette esce nel 2012 per i tipi di Curcio, ambientato in un mondo futuro in cui gli esseri umani, la cui esistenza è interamente dedicata alla produzione, non conoscono il Sonno. La storia prosegue nel 2013 con un secondo romanzo, dal titolo Falsi dèi. Il terzo e conclusivo libro di questo “Universo insonne”, Mondi senza Tempo, è uscito a maggio 2016 per Delos Books, che ha anche ripubblicato i due precedenti in formato digitale. Nel frattempo, l’Associazione RiLL pubblica nel 2012 il volume Domani forse mai, che raccoglie alcuni suoi racconti, le Edizioni Della Vigna pubblicano nel 2013 la raccolta Crisis, curata insieme ad Alberto Cola, carbonaro anch’egli e, soprattutto, nel 2014 per i tipi di Homo Scrivens esce Maiden Voyage, opera corale della Carboneria Letteraria, da cui non fa mancare la sua voce.

Oggi è uno scrittore e traduttore professionista dall’inglese e dallo spagnolo.

Dritto al cuore

drittoalcuore-mini

A cura di Igor De Amicis, Sira Terramano, Vincenzo Valleriani
Galaad edizioni (2014)
€15,00

Antologia del mistero, del grottesco e della follia ad altissimo tasso carbonaro.

Il ricavato verrà devoluto al progetto “Mettici il cuore” dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma

Io sono per il finale aperto. Diciamo che sono uno strenuo difensore dei puntini sospensivi. […] Sono perle predisposte a diventare girocollo e ruota panoramica da Luna Park quando gli scrittori si incontrano nello stesso libro, anche se alcune storie puzzano di zolfo prevale l’essenza di zucchero filato. Un’essenza che passando per le narici arriva “dritto al cuore”. […] Non sono solo canzonette questi racconti. Se scrivi solo di “testa” ti può venire un’emicrania, se scrivi di “pancia” rischi la pancreatite, se scrivi di “cuore” hai un fine, non una fine.

(dalla prefazione di Andrea G. Pinketts)

L’antologia comprende racconti dei carbonari Paolo Agaraff, Chiara Bertazzoni, Alberto Cola, Pelagio D’Afro, Igor De Amicis, Lorenzo Folco Costa, Francesca Garello, Manuela Maggi, Alessandro Morbidelli e Bruno Zaffoni. Incluso anche un racconto di Carlo Lucarelli.

Canti d’abisso

cantiabisso-mini

A cura di Alessandro Morbidelli
ISBN 978-88-908368-5-5
Origami edizioni (2014)
€13,00 (in cartaceo); €2,49 (in digitale)

Dall’Abisso veniamo. Nell’Abisso dovremo tornare. Perché l’Abisso chiama. L’Abisso canta.

Ventitre racconti di lucida follia, di ispirata malvagità, dalle alienanti atmosfere. Ventitré visioni fantastiche dove orrore, grottesco e bizzarro si sciolgono nell’acqua di un mare denso di storie da raccontare. Ventitré autori tra i massimi esponenti della narrativa fantastica italiana che hanno deciso di navigare insieme al lettore verso l’incubo, verso l’ignoto, verso il male annegato nei fondali sabbiosi e scabrosi delle nostre anime. Dalle contaminazioni acide di un futuro post atomico ai segreti sommersi che prendono forme liquide e nere, dagli interminabili viaggi delle imbarcazioni del passato agli automi pronti a combattere e a distruggere, dagli incubi galleggianti della Groenlandia a quelli intimi e inesplicabili di Venezia, dalle coste croate a quelle del Mito. Con tutto il mare che c’è in mezzo.

Un’antologia per chi ama il mare e le storie che nascono dalle onde, nascoste tra le onde.
Il seguito ideale di Onda d’abisso.

Racconti di: Gabriele Falcioni (Agaraff/2), Roberto Fogliardi (Agaraff/3), Pelagio D’Afro, Danilo Arona, Alessandro Cartoni, Nicola Lombardi, Alessandro Morbidelli, Antonio Piras, Simonetta Santamaria, Fabrizio Ilacqua, Giulia Abbate, Luigi Musolino, Stefano Pastor, Mauro Longo, Angelo Marenzana, Ramona Corrado, Alexia Bianchini, Vito Guido Stipa, Serena Bertogliatti, Chiara Bertazzoni, Lavinia Petti, Marica Petrolati, Carlo Vanin.

Manuela Maggi

panini-manu

Manuela Maggi, architetto-globetrotter, yacht designer e illustratrice, dopo aver studiato a Firenze e lavorato a Parigi per una decina d’anni decide di tornare in Italia per vivere in una città di mare.
Autrice di racconti quasi noir per Ennepilibri (Nero Marche), Perrone (Frittology;  Lo sport in Rosa), Eclissi Ed. (Uomini a pezzi), L’orecchio di Van Gogh (Onda d’Abisso), Italic Pequod (Marchenoir), Galaad Ed. (Dritto al Cuore) e di giochi di ruolo come “Project Octopia” per Wildboar Ed.
Partecipa a concorsi e manifestazioni culturali (CIS in Tandem; Essere Italiano; Parole per strada).
Coautrice con Gabriele Falcioni dei racconti per il concorso Storie di Biblioteca 2012 (2° posto) e 2013 (vincitore).
Consulente artistico del Festival Internazionale Adriatico Mediterraneo per la sezione reading e presentazioni letterarie.
Illustratrice di libri per bambini, cura la rubrica Storie AniMatte sul magazine Children’s City Montecarlo. Vive ad Ancona con il marito, il figlio e una coppia di gatti centenari.

Giuseppe D’Emilio

231036_1049968053400_6048_nQuarta parte dell’autore multiplo Pelagio D’Afro, è nato a Popoli (PE), ai tempi del boom economico e di quello delle nascite; risiede nelle Marche, dove lavora come docente di materie letterarie presso l’Istituto Panzini di Senigallia, scuola nella quale ha ricoperto l’incarico di collaboratore del dirigente per 15 anni; si è occupato di didattica multimediale delle discipline umanistiche e di editoria digitale per Liber Liber e Vibrisselibri; ha collaborato con le riviste Inutile e Pagina Tre. Come mai tutti questi verbi al passato? Semplice: attualmente vuole prevalentemente utilizzare il suo tempo libero nel segno di Buddhepicuro. Ogni tanto si dedica alla fotografia (su Instagram si firma pelagiodafro4); è socio onorario dell’associazione Sena Nova, per meriti culturali, e dell’Associazione Cuochi della provincia di Ancona, per meriti mangerecci; calza scarpe numero 43 ed è miope.

Ramona Corrado

panini-rammyRamona Corrado è nata a Lecce e risiede a Belluno e si può definire infermiera di professione, scrittrice per diletto, lettrice congenita.
I casi della vita la vedono sempre divisa a metà: tra nord e sud, tra mare e montagna, tra razionalità e istinto, tra realtà e fantasia, tra voglio e non posso, per cui lei stessa non sa darsi una identità. La professione l’ha portata a occuparsi scientificamente e razionalmente di fatti molto terreni, ma la tendenza naturale è quella di evadere con la lettura e talvolta con la scrittura, trasformando ancora una volta cose vere in cose possibili ma inventate.
Ha vinto vari premi letterari tra cui nel 2003 il premio Antonelli di Castilenti, nel 2004 il Premio San Valentino di Terni e nel 2008 il Premio Le Quattro Porte di Pieve di Cento. Ha ricevuto diverse segnalazioni o si è classificata ai primi posti in molti altri concorsi, cui partecipa principalmente per mettersi alla prova e di tanto in tanto sentirsi dire brava.
Ha pubblicato racconti in svariate antologie (tra cui 365 racconti erotici per un anno, Delos; Onda d’abisso, Orecchio di van Gogh, Marchenoir, Italic Pequod; Canti d’Abisso, Origami), in riviste letterarie (Il furore dei libri), o riviste femminili (Confidenze e Intimità, in questo ultimo caso classificandosi seconda all’omonimo concorso letterario del 2006).
Ha fatto parte di Vibrisselibri, casa editrice online antesignana fondata da Giulio Mozzidel lit-blog La Poesia E Lo Spirito e della web magazine facciunsalto.it

Gabriele “Straf” Falcioni

Straf

Nasce nel gomito d’Italia ma si sente apolide al 55%.

Affascinato da tutto ciò che è misterioso, fantastico e scientifico, decide infine di esplorare la scienza. Indeciso tra quale frequentare, opta infine per la Scienza dei Calcolatori dopo la puntura di un millepiedi radioattivo a otto bit.
I pixel sono la forma di bit che preferisce. Li ama così tanto che spesso lo si vede aggirarsi con una trappola per fotoni, sia sopra che sotto i mari, perché i pixel in salamoia sono più gustosi.

Francesca Garello

Garello_Carboneiro

Francesca Garello è nata a Venezia e vive a Roma. Laureata in Archeologia classica, ha messo a frutto anni di studio matto e polverosissimo scrivendo moduli per giochi di ruolo fantastorici (“Lex Arcana”, con A. Angiolino), libri-game (I misteri delle catacombe, Elledici, 2000, con A. Angiolino e D. Di Giorgio), giochi didattici (“Se Fossi…”, Editori Riuniti Multimedia, 2000). Oltre all’archeologia le piace il mare, e ha riversato questa passione nella stesura del sourcebookfantahorror di ispirazione lovecraftiana Project Octopia(Wildboar Edizioni, 2011, con P. Agaraff).

Pelagio D’Afro

panini-pelagioFiglio misconosciuto di Paolo Agaraff, Pelagio D’Afro vive una giovinezza travagliata, segnata dall’alcool e dalle donne.
Se Agaraff è schizoide, Pelagio ha superato da tempo la barriera che consente di etichettarlo, persino con l’uso di iperboli.
Riesce ad essere al contempo buddepicureo, ateo, agnostico e cristiano; iper e ipotecnologico; letterato e sterile tecnico. Ma tutto ciò trova un misterioso sincretismo quando le sue parti si congiungono in riti alcolico-letterari.
Multimembro della Carboneria Letteraria, Pelagio ha pubblicato racconti sparsi in varie antologie e riviste, oltre a tre romanzi con le case editrici Montag, Lite Editions e Italic Pequod.
Il suo primo romanzo, I ciccioni esplosivi (Montag, 2009), è il prequel de Le rane di Ko Samui, del padre/cugino Paolo Agaraff.
A questo seguono il giallo d’epoca L’acqua tace (Italic Pequod, 2013) e l’ebook a tema erotico Puttaniere blues (Lite Editions, 2014).
I pezzi che lo compongono, assolutamente intercambiabili, sono noti come Giuseppe D’Emilio, Arturo Fabra, Roberto Fogliardi e Alessandro Papini.

Arturo Fabra

panini-artArturo Fabra (molto più pingue che nella figurina) dopo essere nato a Napoli nel 1961 ed aver girovagato per l’Italia seguendo i genitori si è stabilito dal 1980 in Umbria dove si è laureato in Medicina, specializzato in Ginecologia e Ostetricia (una professione che suscita battute salaci) e soprattutto dove ha trovato un gruppo di fantascientomani ora quasi disperso con il quale fondò a Perugia il circolo Uscita di Sicurezza (altrimenti conosciuto come UDS).
Da UDS ebbero origine una fanzine omonima e uno spin off: U.F.O (Uscita di sicurezza Fuori dall’Ordinario) dove iniziò a farsi le ossa scrivendo articoli e racconti. Parallelamente a questa attività si sviluppò la sua passione per i giochi di ruolo che l’hanno portato a conoscere alcuni dei membri fondatori della carboneria (Gabriele Falcioni, Roberto Fogliardi e Alessandro Papini per citarne alcuni in ordine alfabetico). Da quel momento ogni volta che ha potuto ha collaborato con la Carboneria in diversi progetti diventandone membro e componendo un quarto dello scrittore multiplo Pelagio d’Afro.
La mai sopita passione per la fantascienza viene ancora alimentata attraverso la collaborazione con Delos sul portale del Corriere della Fantascienza.
Ha pubblicato racconti (sia come autore singolo che come membro di Pelagio d’Afro) in diverse antologie della Carboneria nonché tre romanzi con Pelagio d’Afro.

Paolo Agaraff

golemPaolo Agaraff nasce tra il 1966 ed il 1969, a seguito di un lungo e travagliato esperimento di ingegneria genetica, svoltosi presso il laboratorio di Genomologia dell’Ospedale Pediatrico di Ancona. Il feto viene ospitato in successione da tre madri diverse, tre povere donne definite dalla medicina ufficiale “portatrici sane dell’insano”.

Paolo vive la sua adolescenza tormentata tra la città vecchia di Ancona e le stradine di Lagos, delle quali piace rievocare i rivoletti di fluidi organici che ne scorrevano ai lati. Qualcuno ipotizza che abbia frequentato il liceo del “rione della fettina” del capoluogo marchigiano, ma voci incontrollate lo danno per cangaceiro nel Minas Gerais. Tutti invece sono concordi nel sostenere che abbia frequentato Ingegneria Elettronica.

Roberto “BobFog” Fogliardi

panini-fogRoberto Fogliardi è nato nel 1966 ad Ancona, dove vive con la moglie e due giovani figli che travia con giochi da tavolo e di ruolo. Quando non scrive, si guadagna la pagnotta come ingegnere elettronico nel settore della videocomunicazione. Il suo attuale ruolo aziendale si può assimilare a quello di Benjamin Malaussène nel ciclo di Belleville di Pennac.
Tra i suoi hobby si annoverano attività eterogenee quali la navigazione a vela, la pesca subacquea, il giardinaggio, l’enogastronomia estrema e, come già accennato, i giochi da tavolo e di ruolo.

Piermaria “KALLISTI” Maraziti

southpark“Creatore di Mondi”.
Nato nel 1967 a Roma. Imprenditore nel mondo dei fumetti, del gioco, dell’informatica e, sostanzialmente, eclettico.
Fondatore della Gilda Anacronisti, punto di riferimento per i giocatori di ruolo dal vivo dall’88 al 95 circa e dal 95 al 2005 per molte comunità on line legate ai giochi di ruolo, insignita per questo del premio Personalità Ludica dell’Anno 2006.
Ha scritto il primo regolamento italiano per il gioco di ruolo dal vivo (1993), il gioco di ruolo narrativo “La Regola del Gioco” (con Marco Perez, 1996) e, precedentemente, il “Gioco Libero” (1990), primo sistema di gioco al mondo interamente “ruleless”. Ha inoltre scritto svariate ambientazioni e avventure per giochi di ruolo: di queste, a fine anni 80 molte furono premiate tanto che fu escluso “per manifesta superiorità” dal Premio Labyrinth.
Con la Carboneria Letteraria ha pubblicato un racconto in “Uomini a Pezzi” e ha collaborato ad altre opere in corso di pubblicazione.
Perché KALLISTI? Heil Discordia! fnord

Facebook LinkedIn Twitter

Maiden Voyage Continuity

In questa sezione si trovano i materiali relativi al romanzo Maiden Voyage. Il libro infatti fa parte di un progetto molto ampio. È basato su un’ambientazione che la Carboneria Letteraria sta sviluppando da tempo per ospitare storie, giochi di ruolo e sperimentazioni varie, da quelle letterarie a quelle gastronomiche. È un mondo in continua espansione: nuovi contributi…

Manifesto Carbonaro

La Carboneria Letteraria, come dice il nome stesso, è un’associazione segreta di Pulcinella volta alla cospirazione letteraria, al consumo di carboidrati con degno accompagno di beveraggi ed altre espressioni artistiche (LA BANDAAAAA!!!!). Lingua ufficiale della lista postante è l’Italiano, in tutte le sue declinazioni e distorsioni presenti e future. Sono IT tutti gli argomenti tranne…

Crisis

Crisis

A cura di Alberto Cola e Francesco Troccoli
ISBN 978-88-6276-107-9
Edizioni della Vigna (2013)
€11,90

Abbiamo chiesto agli autori di questa raccolta di immaginare un mondo collocato in un futuro non troppo lontano. Abbiamo chiesto loro di raccontarci una storia ambientata in una qualsiasi regione terrestre e in un periodo posto a un massimo di cento anni dalla “più grande recessione planetaria di tutti i tempi”.
La crisi del 2014.
Uno degli scopi del libro è quindi quello di proiettare a beneficio dei lettori alcuni scenari di un futuro nel quale la crisi sia vissuta dai protagonisti delle varie narrazioni come un pericolo ormai superato, che ha però condizionato in modo drastico la storia degli individui, delle loro famiglie, delle aggregazioni e delle comunità, così come le vicende e gli equilibri sociali, politici ed economici su scala planetaria.
Sono queste le sole indicazioni fornite agli autori, all’insegna di una tonalità di fondo che fosse il più possibile “positiva”, incentrata sulla capacità dell’essere umano di superare le prove più difficili, tanto individualmente quanto come collettività.
Un essere umano che, a dispetto della spinta distruttiva di macrosistemi sociali ed economici, tornasse al centro del comune sentire, interprete di una fantascienza in grado di renderlo unico e indiscusso protagonista del proprio destino.

Racconti di: Giulia Abbate, Donato AltomareFrancesco GrassoAlessandro MorbidelliLuigina SgarroAndrea Angiolino e Francesca GarelloAlessandro ViettiGabriele Falcioni (Agaraff/3).

Fedele al mito

fedelealmitoA cura di Alessandro Morbidelli e Federica Ferri

Lulu e Amazon (2013)
Prezzo4,81 (ebook) / €12,50 (cartaceo)

Anche agli Eroi e agli Dei, un Amico Fedele può cambiare la vita

E se Ulisse avesse avuto un gatto come amico nella grotta di Polifemo? E se Ettore, prima di combattere contro Achille alle porte di Troia, avesse avuto al suo fianco un prode cagnolino? E siete sicuri che fu tutto merito della Lupa se Romolo e Remo si salvarono? Venti vicende della mitologia classica sono rilette da altrettanti autori, tutti dell’idea che “anche agli Eroi e agli Dei, un Amico Fedele può cambiare la vita”. Un’antologia di venti racconti i cui proventi saranno devoluti all’Associazione L’Amico Fedele Onlus, attiva dal 2006 e sempre in prima linea nell’occuparsi dei problemi relativi alla vita in canile e al fenomeno del randagismo e dell’abbandono. Venti scrittori provenienti da tutta Italia hanno riletto e riscritto un episodio della mitologia classica chiedendosi cosa sarebbe successo se all’eroe o alla divinità di turno si fosse affiancato un fedele cagnolino o un prode micetto.
Racconti di: Livia Alegi, Paola Ancarani, Andrea Angiolino e Francesca Garello, Alessandra Arcari, Giusy Cafari Panico, Ramona Corrado, Pelagio D’Afro, Gabriele Falcioni (Agaraff/3), Chiara Ferrari, Matteo Fraccaro, Emanuela Gravina, Anna Indri Raselli, Manuela Maggi, Susanna Polimanti, Fabrizio Re Garbagnati, Maria Lucia Riccioli, Caterina Saracino, Francesca Schipa, Luigina Sgarro, Stefano Vignaroli.